News

Partono i lavori di ampliamento del Residence Ca’ Amata

admin on 20 Marzo 2018

Il nuovo “borgo” creato e sviluppato dall’azienda Carron in mezzo al verde nel territorio di Riese Pio X ai confini con Castelfranco, incorniciato dalle 18 buche del golf club.

Stanno per partire i lavori per la realizzazione del nuovo complesso del Residence Ca’ Amata. Già oggi, con le 60 unità abitative realizzate a partire dal 2010 dall’impresa Carron Cav. Angelo S.p.A., il Ca’ Amata è considerato un nuovo “borgo” che si è creato e sviluppato in mezzo al verde negli ultimi anni nel territorio di Riese ai confini con Castelfranco, incorniciato dalle 18 buche del golf club. “Siamo orgogliosi di aver soddisfatto le esigenze di chi ha già scelto un nuovo modo di vivere, venendo ad abitare qui al Ca’ Amata – ha detto il Presidente Diego Carron presentando ieri il progetto di ampliamento agli abitanti del borgo. “È curioso che tra le 60 unità costruite a partire dal 2010, anni difficili per il mercato immobiliare, non ci sia nessun cartello “vendesi”. Così, per soddisfare le crescenti esigenze di chi cerca uno stile di vita green, per staccare la spina ed immergersi nella natura, in un’atmosfera da vacanza, siamo felici di continuare l’intervento di completamento dell’ambizioso progetto”.

Dopo le 60 unità del primo lotto, realizzato su progetto dell’architetto Gianfranco Vielmo, il secondo lotto prevede altre unità abitative a firma dell’architetto Paolo Guglielmin. “Partiamo ora con i lavori di realizzazione di 12 nuove villette singole e abbinate- ha annunciato il Presidente Diego Carron – Questo intervento si concluderà in base al nostro cronoprogramma entro fine anno”. Il progetto è ad ampio raggio: “In futuro valuteremo l’avvio di altre fasi d’intervento, in base alle esigenze”, ha chiarito il Presidente del Gruppo Carron e del Golf Club Ca’ Amata. Il nuovo complesso, dotato di una nuova piscina indipendente, su progetto dell’architetto Guglielmin, sarà realizzato con la direzione artistica di Arianna Carron, in armonia con il contemporaneo stile architettonico delle ville esistenti, che beneficiano del contesto green del golf club, tra canali, laghetti e piante secolari. Gli abitanti del borgo, tra cui tante famiglie, il 60 per cento dei quali non gioca a golf, hanno a disposizione oltre 4 km di piste ciclabili illuminate immerse nel verde e possono raggiungere in bici o a piedi in pochi minuti tutti i servizi del centro di Riese, dalla scuola materna ed elementare ai campi da tennis e bocce. “Ora confidiamo nella realizzazione di una pista ciclabile che colleghi il borgo anche al vicino centro di Castelfranco e di una piccola rotonda all’incrocio tra via Loreggia e via Postioma”, spiegano gli abitanti.

Inoltre, pur essendo il complesso residenziale indipendente rispetto alla gestione e manutenzione del campo da golf, i residenti potranno usufruire di numerose parti comuni dedicate al benessere all’aria aperta, partecipando anche alle feste e alla vita sociale del golf club, oltre ad avere a disposizione i servizi di ristorazione e bar offerti dalla club house. E, tra le novità annunciate ieri, in accordo con il sindaco di Riese Matteo Guidolin, durante i lavori sarà attrezzato un campo da calcetto pubblico all’ingresso del Residence, a servizio del borgo e dell’intera comunità.

Articolo pubblicato in origine su Treviso Today.